Frosinone vs Pro Vercelli – Le pagelle

Russo: Giornata da dimenticare, sbaglia su tutti e tre i palloni che deve raccogliere in fondo alla porta della Pro ed è determinante per la sconfitta, il voto è uguale al numero dei goal presi.

Germano: Umbertino corre su e giù, prova a spingere ma spesso deve coprire, il Frosinone arremba, alla fine è stanco, dà quel che può, termina con nullo fiato 6.5

Cosenza: i tre centrali di una difesa che prende tre goal e non hanno soverchie responsabilità, tranne quella di andare a fare il lavoro dei centrocampisti arretrati ad impedire tiri da venticinque metri e lasciar sguarnita la difesa.6

Milesi: i tre centrali di una difesa che prende tre goal e non hanno soverchie responsabilità, tranne quella di andare a fare il lavoro dei centrocampisti arretrati ad impedire tiri da venticinque metri e lasciar sguarnita la difesa.6

Coly: i tre centrali di una difesa che prende tre goal e non hanno soverchie responsabilità, tranne quella di andare a fare il lavoro dei centrocampisti arretrati ad impedire tiri da venticinque metri e lasciar sguarnita la difesa.6

Liviero: è vero che avrebbe bisogno di giocare per trovare ( forse)  la forma ma la sua prestazione è –  per dirla con eleganza –  sottotono e sotto tutti gli aspetti, di copertura e di spinta. 4.5

Scavone: l’ho difeso fin quando ha fatto quel poteva con energia, potenza e qualità ma oggi male, male, male 5

Musacci: forse pensava di essere ancora nel Frosinone o forse pecca di generosità quando anche nell’ultima opportunità su punizione dal limite, piuttosto che regalare il pari alla Pro sembra scegliere di  donare il pallone  agli eroici Innamorati che sono arrivati fino a Frosinone e si sono sistemati dietro alla porta di Zappino  4.5

Belloni: evanescente più della nebbia lombarda, della foschia alla Marina della terra natìa di Nicolò, Carrara. 5

Luppi:  è una spina nel fianco della difesa frusinate, percorre 2 o tremila chilometri nei novantatre minuti, segna, ci prova, non basta 7.5

Fabiano:  Come Davide Luppi si danna l’anima, corre, retrocede a centrocampo, difende, lotta, predica, qualche volta nel deserto 7

All.: Cristiano Scazzola, sulla questione del portiere fornisce fiducia a Russo mentre per esempio il suo collega Stellone così come recentemente anche  Foscarini  fanno scelte diverse.  Ma il mister conosce la psicologia dei suoi giocatori e decide per il meglio. Per il resto la decisione di dar fiato a Castiglia e fiducia a Musacci, che tanti tifosi avevano reclamato  fin dal suo arrivo, si rivela non del tutto felice perchè l’ex Frosinone sbaglia la gara.  E senza il giovanotto Scaglia questa Pro perde molto. Fermo restando che l’avversario era sempre il medesimo, la Pro del secondo tempo è piaciuta di più, perchè non avercela, questa squadra, fin dal primo minuto, se non con gli stessi giocatori almeno  con lo stesso piglio ?  5.5

I subentrati: al 46′ Di Roberto per Milesi, entra e cambia la musica, una buona prova per Nunzio, speriamo continui così 7

al 70′ Sprocati per Belloni cambia il soggetto in campo  ma non l’interpretazione che resta lieve e delicata, anzi immateriale 5

al 76′ Castiglia per Scavone, in un quarto d’ora  Luca fa la differenza, peccato non inserirlo prima 7.5

Paolo d’Abramo