Tra incertezze e sorprese

Gran tombola ed estrazioni di giocatori. Video esclusivo.

Stadio Picco di La Spezia

Tra incertezze e sorprese. Beh, amici, non è che l’allenamento di venerdì abbia risolto i dubbi degli Innamorati e neppure dei Cronisti, neanche dell’Umile chepperò si è informato. Pare che nel corso della settimana quasi trascorsa, l’assente dal Robbiano Piola, Faustorossi, si sia allenato altrove, sulla pelouse verde naturale del campo di Via Vicenza lontano dagli occhi indiscreti o nel verde dietro casa con l’erba appena tagliata, e così , per domenica, sarà pronto. Il mio amico Fabrizio mi dice che lui, cioè Fabrizio, al posto di Scazzola, terrebbe a riposo tutti i più forti, lo Spezia è troppo per noi e per la Pro – che siamo la stessa cosa – e quindi perché rischiare gli incerti quando ci aspettano partite molto più abbordabili, come il Latina o il Cagliari sul finire del Girone d’Andata? Quindi il mio amico lascerebbe fuori non solo Faustorossi ma anche Coly e Germano e il buon Sprocati e Mustacchio, fors’anche l’inossidabile, anzi l’Inossidabile. Oggi s’è cercato di dimostrare qualche ipotesi, tipo 4-4-1-1 con Beltrame dietro a Marchi o ancora Matute al posto di Berra e poi Matute a centrocampo e, naturalmente, come falso nueve come Vi scrivevo prima

http://aleprovercelli.it/2015/09/avanti-tutta-allarrembaggio/

Da ricchi non dovrebbero esserci problemi, ma la nostra ricchezza a centrocampo è tale per cui qualcuno dovrà star seduto in panca o in tribuna e tutti devono stare sereni, tra Scavone, Ardizzone, Emmanuello, Castiglia, Faustorossi, Luperini, Matute e lo stesso Di Roberto che in un caso è stato anche provato sulla linea dei centrocampisti, quando Stefanino stava dietro a Marchi. Abbiam visto correre Umberto e MM 18, questo fatto ci ha dato il buonumore e comunque andiamo a La Spezia consapevoli che tutto quel che riusciremo a tirar sù sarà ben accetto e darà nuova spinta per tanti altri abbonamenti e tanti altri Innamorati nella prossima gara interna al Robbiano Piola. I dubbi ci sono in tutti i reparti, per emergenze e malanni di corpo, di testa o per scelta tecnica. In difesa sono sicuri 2 uomini su 4, Scaglia e Legati, a centrocampo direi che nessuno è sicuro del posto, davanti maglia per Marchi e sugli altri non metterei la mano sul fuoco, forse Di Roberto, lo porrei al 75% di sicurezza d’aver la maglia di titolare. Al Picco, stadio di la Spezia, il terreno è un sintetico misto che non dovrebbe sfavorire troppo i nostri abituati a giocare sul sintetico puro. La differenza la faranno alcune variabili, quali la forza tecnica delle due compagini (e lì non siamo messi benissimo), la determinazione agonistica (stiamo al cientoperciento), la bomba d’acqua prevista in Liguria per questo fine settimana, il tempo impervio, il vento, lo scroscio d’acqua, sono tutti fattori che possono essere giochi di sorpresa, posson mutare l’inerzia della partita, da una parte o dall’altra, anche se stai vincendo per 2 a 0 e poi finisce che ti rimontano e perdi con distacco ed inferiorità numerica. O forse, quest’anno, no. Non si può smettere d’amare, è già difficile qualche volta, con una persona figuriamoci con la Pro, mai ! Adesso guardateVi codesto scoop di video. Per la conferenza stampa della vigilia, ho qualche perplessità. Stare a farmi i fatti miei o ascoltare le stille di saggezza e le fondamentali indiscrezioni del Santo Laico. Infine, Pro vs Novara si giocherà di sera il 10 ottobre, caldarroste per tutti.

Paolo d’Abramo